The Nash-Healey is a two-seat sports car that was produced for the American market between 1951 and 1954. Marketed by Nash-Kelvinator Corporation with the Nash Ambassador drivetrain and a European chassis and body, it served as a halo (or image) vehicle, or flagship car, for the automaker to promote the sales of the other Nash models. It was "America's first post-war sports car", and the first introduced in the U.S. by a major automaker since the Great Depression. The Nash-Healey was the product of the partnership between Nash-Kelvinator Corporation and British automaker Donald Healey. Later on, the car was restyled by Pinin Farina and subassembly began in Italy.

Property Value
dbo:Automobile/wheelbase
  • 2590.8
dbo:MeanOfTransportation/height
  • 1219.2
dbo:MeanOfTransportation/length
  • 4337.05
dbo:MeanOfTransportation/weight
  • 1088.64
dbo:MeanOfTransportation/width
  • 1625.6
dbo:abstract
  • The Nash-Healey is a two-seat sports car that was produced for the American market between 1951 and 1954. Marketed by Nash-Kelvinator Corporation with the Nash Ambassador drivetrain and a European chassis and body, it served as a halo (or image) vehicle, or flagship car, for the automaker to promote the sales of the other Nash models. It was "America's first post-war sports car", and the first introduced in the U.S. by a major automaker since the Great Depression. The Nash-Healey was the product of the partnership between Nash-Kelvinator Corporation and British automaker Donald Healey. Later on, the car was restyled by Pinin Farina and subassembly began in Italy. A racing version, built with a spartan aluminum body, finished third in the 1952 Le Mans 24-hour race. (en)
  • Nash-Healey war eine britisch-US-amerikanische Automobilmarke, welche von 1951 bis 1954 luxuriöse Sportwagen herstellte. Die Fahrzeuge wurden von der Donald Healey Motor Company in Warwick, Warwickshire, England, entwickelt und hergestellt, die Vermarktung erfolgte durch Nash Motors. Donald Healey hatte seine Automobilfabrik 1946 gegründet und sich auf die Herstellung von Gran Turismo, Sportwagen und Rennsportwagen in kleiner Stückzahl spezialisiert und sich dafür einen guten Ruf erworben. Healey war bei Langstreckenrennen recht erfolgreich und hatte mit dem Healey Silverstone einen konkurrenzfähigen Rennsportwagen im Programm. (de)
  • Appartenente alla categoria delle vetture sport, la Nash-Haley era provvista di un gruppo motopropulsore proveniente dalla Nash Ambassador e di un telaio e di una carrozzeria che erano assemblati in Europa. Fu la prima vettura sport statunitense lanciata dopo la fine della seconda guerra mondiale. La Nash-Healey fu il frutto di una partnership tra la Nash e la casa automobilistica britannica Donald Healey Motor Company. In un secondo momento, la linea del modello fu rivista da Pininfarina. Da questo momento in poi, l'assemblaggio del telaio e della carrozzeria iniziò ad essere eseguito negli stabilimenti torinesi di Pininfarina. In totale, dal 1951 al 1954, ne vennero realizzati 506 esemplari (più un prototipo del 1950). Inizialmente, la Nash-Haley fu disponibile solo in versione roadster due porte. Il prototipo fu presentato al pubblico al salone dell'automobile di Parigi nel 1950. Il modello prodotto poi in serie debuttò invece al salone dell'automobile di Detroit nel 1951. Fu messa in vendita a 3.767 dollari. Dopo essere stati completate in Europa, le Nash-Haley erano poi spedite negli Stati Uniti per essere vendute nei concessionari Nash. Il motore, che era identico a quello installato sulla Nash Ambassador, fu inizialmente un sei cilindri in linea a valvole in testa da 3,8 L di cilindrata che erogava 127 CV di potenza. La testata era in alluminio. Il motore, rispetto al peso dell'autovettura, era poco potente: infatti, in origine, sulla Nash-Haley doveva essere montato un più grande motore V8 Cadillac. Il cambio, che era provvisto di overdrive, era manuale a tre rapporti. Le sospensioni anteriori erano indipendenti con ammortizzatori a molle elicoidali, bracci longitudinali e barra antirollio. Le sospensioni posteriori erano invece composte da ammortizzatori a molle elicoidali e da una barra Panhard. I freni erano a tamburo sulle quattro ruote. Sul frontale, erano installati una calandra e dei paraurti in stile Nash. Gli pneumatici erano a fascia laterale bianca, mentre i cerchioni erano in acciaio con coprimozzo cromato. Gli interni erano lussuosi ed erano caratterizzati da un massiccio utilizzo di pelle. Il volante era regolabile in altezza. Nel 1952 la Nash commissionò a Pininfarina il restying del modello. La versione aggiornata del modello fu presentata nello stesso anno al salone dell'automobile di Chicago. Dopo questo accordo, la Nash-Haley iniziò ad essere completata presso gli stabilimenti torinesi Pininfarina. Nell'occasione, la cilindrata del motore crebbe a 4,1 L con la potenza erogata che raggiunse i 140 CV. I costi di trasporto erano però lievitati. Per tale motivo, il prezzo di vendita crebbe a 5.908 dollari. Per fare un confronto, una delle sue concorrenti, la Chevrolet Corvette, era in vendita a 3.513 dollari e la Ford Thunderbird, anch'essa sua rivale, nel 1955 era commercializzata a 3.000 dollari. Nel 1953 fu introdotta le versione coupé due porte. Nell'anno citato un esemplare di Nash-Haley giunse terzo alla 24 Ore di Le Mans. Dopo questo ottimo piazzamento, che fu il migliore per una Nash-Haley nelle competizioniautomobilsitiche, fu lanciata sui mercati una versione coupé speciale a cui fu dato il nome di "Le Mans". Nel 1954, con la fusione della Nash e della Hudson Motor Car Company a formare la American Motors Corporation, le risorse finanziarie della Nash si ridussero. Fu quindi deciso di far uscire di produzione la Nash-Haley. Oltre alla 24 Ore di Le Mans, a cui partecipò dal 1950 al 1954, la Nash-Haley corse anche alla Carrera Panamericana e alla Mille Miglia. (it)
dbo:assembly
dbo:bodyStyle
dbo:class
dbo:engine
dbo:height
  • 1.219200 (xsd:double)
dbo:layout
dbo:length
  • 4.337050 (xsd:double)
dbo:manufacturer
dbo:productionEndYear
  • 1954-01-01 (xsd:date)
dbo:productionStartYear
  • 1951-01-01 (xsd:date)
dbo:thumbnail
dbo:transmission
  • 3-speedmanualwithoverdrive
dbo:weight
  • 1088640.000000 (xsd:double)
dbo:wheelbase
  • 2.590800 (xsd:double)
dbo:width
  • 1.625600 (xsd:double)
dbo:wikiPageExternalLink
dbo:wikiPageID
  • 1492374 (xsd:integer)
dbo:wikiPageRevisionID
  • 745093078 (xsd:integer)
dbp:caption
  • 1951 (xsd:integer)
dbp:wordnet_type
dct:subject
http://purl.org/linguistics/gold/hypernym
rdf:type
rdfs:comment
  • The Nash-Healey is a two-seat sports car that was produced for the American market between 1951 and 1954. Marketed by Nash-Kelvinator Corporation with the Nash Ambassador drivetrain and a European chassis and body, it served as a halo (or image) vehicle, or flagship car, for the automaker to promote the sales of the other Nash models. It was "America's first post-war sports car", and the first introduced in the U.S. by a major automaker since the Great Depression. The Nash-Healey was the product of the partnership between Nash-Kelvinator Corporation and British automaker Donald Healey. Later on, the car was restyled by Pinin Farina and subassembly began in Italy. (en)
  • Nash-Healey war eine britisch-US-amerikanische Automobilmarke, welche von 1951 bis 1954 luxuriöse Sportwagen herstellte. Die Fahrzeuge wurden von der Donald Healey Motor Company in Warwick, Warwickshire, England, entwickelt und hergestellt, die Vermarktung erfolgte durch Nash Motors. (de)
  • Appartenente alla categoria delle vetture sport, la Nash-Haley era provvista di un gruppo motopropulsore proveniente dalla Nash Ambassador e di un telaio e di una carrozzeria che erano assemblati in Europa. Fu la prima vettura sport statunitense lanciata dopo la fine della seconda guerra mondiale. La Nash-Healey fu il frutto di una partnership tra la Nash e la casa automobilistica britannica Donald Healey Motor Company. In un secondo momento, la linea del modello fu rivista da Pininfarina. Da questo momento in poi, l'assemblaggio del telaio e della carrozzeria iniziò ad essere eseguito negli stabilimenti torinesi di Pininfarina. (it)
rdfs:label
  • Nash-Healey (en)
  • Nash-Healey (de)
  • Nash-Healey (it)
owl:sameAs
prov:wasDerivedFrom
foaf:depiction
foaf:isPrimaryTopicOf
foaf:name
  • Nash-Healey (en)
is dbo:team of
is dbo:wikiPageDisambiguates of
is dbo:wikiPageRedirects of
is dbp:notableWorks of
is foaf:primaryTopic of