Надим (араб. نديم‎ — «собеседник», тур. Nedim) — арабское имя, происходит от глагола «ндм» — «раскаиваться». В России встречается производная фамилия «Надимовы».

Property Value
dbo:abstract
  • Sotto il nome di nadīm (in arabo: ﻧﺪﻳﻢ‎) si indicava, in età califfale, qualsiasi abituale convitato del "Comandante dei Credenti". L'onore di sedere alla mensa, assai generosa, del Califfo non era riservato a persone qualunque, senza qualità, ma a quanti erano in grado d'assolvere sostanziosamente al dovere d'intrattenitore colto e sensibile dell'augusto ospite. Quanti s'erano saputi segnalare per il loro spessore culturale (artistico o scientifico) e quanti potevano vantare qualità umane fuori del consueto, erano ritenuti in grado di suscitare l'interesse del Califfo, col quale perciò non dovevano limitarsi a consumare i pasti, interloquendo invece e confrontandosi con lui su temi quali la poesia e la letteratura, la musica e tutte le arti e le scienze di cui il Califfo era spesso munifico committente. Nel sentire popolare s'immaginava, non solo nei periodi di decadenza politica e istituzionale, che il nadīm accompagnasse il Califfo nelle generose bevute del proibitissimo vino e in avventure galanti che si diceva avvenissero regolarmente nel chiuso delle reggie ma in realtà egli assolveva anche alla funzione di confidente e, all'occorrenza e su specifica richiesta dell'ospite, di consigliere, assumendosi anche i gravi rischi di dispiacere il Califfo, subendone le eventuali reprimende e punizioni. Le attività del nadīm, ma anche gli intrighi che facilmente potevano essere intessuti alla mensa califfale, sono magistralmente e minuziosamente descritti nell'opera di Ibn al-Muqaffaʿ. (it)
  • Надим (араб. نديم‎ — «собеседник», тур. Nedim) — арабское имя, происходит от глагола «ндм» — «раскаиваться». В России встречается производная фамилия «Надимовы». (ru)
  • Sotto il nome di nadīm (in arabo: ﻧﺪﻳﻢ‎) si indicava, in età califfale, qualsiasi abituale convitato del "Comandante dei Credenti". L'onore di sedere alla mensa, assai generosa, del Califfo non era riservato a persone qualunque, senza qualità, ma a quanti erano in grado d'assolvere sostanziosamente al dovere d'intrattenitore colto e sensibile dell'augusto ospite. Quanti s'erano saputi segnalare per il loro spessore culturale (artistico o scientifico) e quanti potevano vantare qualità umane fuori del consueto, erano ritenuti in grado di suscitare l'interesse del Califfo, col quale perciò non dovevano limitarsi a consumare i pasti, interloquendo invece e confrontandosi con lui su temi quali la poesia e la letteratura, la musica e tutte le arti e le scienze di cui il Califfo era spesso munifico committente. Nel sentire popolare s'immaginava, non solo nei periodi di decadenza politica e istituzionale, che il nadīm accompagnasse il Califfo nelle generose bevute del proibitissimo vino e in avventure galanti che si diceva avvenissero regolarmente nel chiuso delle reggie ma in realtà egli assolveva anche alla funzione di confidente e, all'occorrenza e su specifica richiesta dell'ospite, di consigliere, assumendosi anche i gravi rischi di dispiacere il Califfo, subendone le eventuali reprimende e punizioni. Le attività del nadīm, ma anche gli intrighi che facilmente potevano essere intessuti alla mensa califfale, sono magistralmente e minuziosamente descritti nell'opera di Ibn al-Muqaffaʿ. (it)
  • Надим (араб. نديم‎ — «собеседник», тур. Nedim) — арабское имя, происходит от глагола «ндм» — «раскаиваться». В России встречается производная фамилия «Надимовы». (ru)
dbo:meaning
  • provider of water or mist
dbo:wikiPageDisambiguates
dbo:wikiPageID
  • 30631854 (xsd:integer)
dbo:wikiPageRevisionID
  • 745192977 (xsd:integer)
dbp:gender
  • Male
dbp:origin
  • ندى "nada"
dbp:region
  • Middle East
dct:subject
rdf:type
rdfs:comment
  • Надим (араб. نديم‎ — «собеседник», тур. Nedim) — арабское имя, происходит от глагола «ндм» — «раскаиваться». В России встречается производная фамилия «Надимовы». (ru)
  • Sotto il nome di nadīm (in arabo: ﻧﺪﻳﻢ‎) si indicava, in età califfale, qualsiasi abituale convitato del "Comandante dei Credenti". L'onore di sedere alla mensa, assai generosa, del Califfo non era riservato a persone qualunque, senza qualità, ma a quanti erano in grado d'assolvere sostanziosamente al dovere d'intrattenitore colto e sensibile dell'augusto ospite. Le attività del nadīm, ma anche gli intrighi che facilmente potevano essere intessuti alla mensa califfale, sono magistralmente e minuziosamente descritti nell'opera di Ibn al-Muqaffaʿ. (it)
  • Надим (араб. نديم‎ — «собеседник», тур. Nedim) — арабское имя, происходит от глагола «ндм» — «раскаиваться». В России встречается производная фамилия «Надимовы». (ru)
  • Sotto il nome di nadīm (in arabo: ﻧﺪﻳﻢ‎) si indicava, in età califfale, qualsiasi abituale convitato del "Comandante dei Credenti". L'onore di sedere alla mensa, assai generosa, del Califfo non era riservato a persone qualunque, senza qualità, ma a quanti erano in grado d'assolvere sostanziosamente al dovere d'intrattenitore colto e sensibile dell'augusto ospite. Le attività del nadīm, ma anche gli intrighi che facilmente potevano essere intessuti alla mensa califfale, sono magistralmente e minuziosamente descritti nell'opera di Ibn al-Muqaffaʿ. (it)
rdfs:label
  • Nadīm (it)
  • Надим (ru)
  • Nadeem (en)
owl:sameAs
prov:wasDerivedFrom
foaf:isPrimaryTopicOf
foaf:name
  • Nadeem (en)
is foaf:primaryTopic of