2 June Movement (German: Bewegung 2. Juni) was a West German violent non-state actor based in West Berlin. Active from 1971–1980, the anarchist group was one of the few violent groups at the time in West Germany. Although 2 June Movement did not share the same ideology as the Red Army Faction (Baader-Meinhof Gang), these extremist organizations were allies. The 2 June Movement did not establish as much influence in West Germany as their Marxist counterparts, but is best known for kidnapping West Berlin mayoral candidate Peter Lorenz.

Property Value
dbo:abstract
  • 2 June Movement (German: Bewegung 2. Juni) was a West German violent non-state actor based in West Berlin. Active from 1971–1980, the anarchist group was one of the few violent groups at the time in West Germany. Although 2 June Movement did not share the same ideology as the Red Army Faction (Baader-Meinhof Gang), these extremist organizations were allies. The 2 June Movement did not establish as much influence in West Germany as their Marxist counterparts, but is best known for kidnapping West Berlin mayoral candidate Peter Lorenz. (en)
  • Die Bewegung 2. Juni war eine in den 1970er Jahren in West-Berlin aktive linksextremistische terroristische Vereinigung. Sie wurde nach dem 2. Juni 1967 benannt, an dem der Student Benno Ohnesorg auf einer Demonstration gegen den Schah-Besuch von dem Berliner Polizisten Karl-Heinz Kurras erschossen worden war. Nachdem Georg von Rauch am 4. Dezember 1971 beim Versuch seiner Festnahme nach einem Autodiebstahl in einem Schusswechsel ums Leben gekommen war, fanden zum Jahreswechsel 1971/72 in Berlin Treffen verschiedener linker, teils gewaltbereiter Gruppen statt. Sie diskutierten ihren Zusammenschluss und gründeten im Januar 1972 die Bewegung 2. Juni. Diese verübte eine Reihe von terroristischen Bombenattentaten, Banküberfällen und Entführungen von Funktionsträgern des Staates und aus der Wirtschaft. Der Präsident des Berliner Kammergerichts Günter von Drenkmann wurde 1974 bei einem fehlgeschlagenen Entführungsversuch erschossen. Durch die Entführung des CDU-Spitzenkandidatens zur Abgeordnetenhauswahl in Berlin 1975, Peter Lorenz, erpresste die Bewegung 2. Juni die Freilassung mehrerer Gesinnungsgenossen. Am 2. Juni 1980 erklärte die Organisation ihre Selbstauflösung. Einige ihrer Aktivisten schlossen sich der Rote Armee Fraktion (RAF) an, andere den Revolutionären Zellen (RZ). (de)
  • El Movimiento 2 de Junio (En alemán: Bewegung 2. Juni, abreviado M2J) fue un grupo activista de guerrilla urbana que operó en Berlín Occidental. Fue denominado así por la muerte del estudiante Benno Ohnesorg el 2 de junio de 1967; el grupo principalmente destruyó propiedades comerciales en Berlín. Tuvieron su fuente de inspiración en los Tupamaros uruguayos. (es)
  • Le Mouvement du 2-Juin (allemand : Bewegung 2. Juni) était un groupe anarchiste armé d'Allemagne de l'Ouest basé à Berlin-Ouest et actif dans les années 1970. (fr)
  • Il Movimento 2 Giugno (in tedesco Bewegung 2. Juni) e´un gruppo di lotta armata attivo negli anni 70 soprattutto a Berlino Ovest. La fondazione ufficiale e´del 1972 e il suo discioglimento e confluimento in altre organizzazioni illegali (RAF e Cellule Rivoluzionarie) e´del 1980. Il nome deriva dagli avvenimenti del 2 Giugno 1967 a Berlino Ovest. Il 2 giugno lo Scià Reza Pahlavi e sua moglie visitarono Berlino. Nel primo pomeriggio furono accolti come ospiti nel municipio di Schöneberg, per registrarsi nel libro visitatori della città. Davanti al municipio si era radunata una folla di dimostranti contro lo Scià(..). Nello stesso tempo erano presenti un altro centinaio di persone, ufficialmente per esprimere la loro simpatia allo Scià, anche se ci sono dei dubbi sulla loro vera natura. Si trattava infatti di appartenenti ai servizi iraniani , il SAVAK che malmenó gli studenti. La polizia però se la prese con questi ultimi nel corso degli scontri un poliziotto sparó alle spalle allo Studente Benno Ohnesorg ,uccidendolo. Il Movimento 2 Giugno affonda le sue radici nella controcultura militante della Berlino Ovest a cavallo del ´68 che venne definita in ambiente movimentista „il BLUES“ e da gruppi dello spontaneismo armato come i „Tupamaros Berlino Ovest ,conosciuti per un fallito attentato alla sinagoga di Berlino Ovest il 9/11/69 e i Ribelli dell´hashish. Il Blues era: Sinonimo di una tendenza politica antiautoritaria, il cui contenuto e scopo era […] trovare nuove forme di vita, sviluppo di utopie concrete, solidarietà con tutti gli oppressi, sensibilità per la comunicazione interindividuale, fantasia e sensibilità nell’azione rivoluzionaria e nel frattempo azione diretta e militante contro il nemico di classe; (lo Stato e le sue istituzioni). […] L’azione militante era non solo conseguenza di una convinzione e analisi teorica […], ma anche tentativo di superare la propria impotenza, per trovare il modo di uscire dalla passività, passando all’attacco attivo e scaricare la propria aggressività non contro se stessi e i compagni, ma verso l’esterno, nelle numerose guerriglie urbane e contro i simboli del potere; così come il tentativo di riscoprire negli atti concreti se stessi, non solo con la testa, ma anche con il «Ventre», con le proprie emozioni e i bisogni, nell’azione politica e militante1. Il senso dell’impegno del «Blues» nella lotta per la casa, contro lo sviluppo dell’energia atomica, negli scioperi spontanei ecc., era di portare emozioni, bisogni, problemi e fantasie nella militanza. All’interno di questo gruppo vi era una relazione stretta tra musica e politica. Nel loro giornale underground «Fizz» si potevano trovare, accanto a contributi per la discussione sulla guerriglia urbana e manuali fai da te per la fabbricazione di bottiglie molotov o cariche di esplosivo, anche recensioni di concerti o informazioni varie sulla scena musicale berlinese. Il «Blues» si formò così partendo dalle comuni (alternativen Wohnprojekten) e da un progetto di sperimentazione di nuove forme di vita e di comunicazione. Già verso fine 1969 inizio 1970, le prime persone del Blues e del movimento antiautoritario si dettero alla clandestinità per sottrarsi agli imminenti inizi di detenzione o ai provvedimenti di ricerca. L’illegalità comportava grosse spese, alle quali non si poteva far fronte semplicemente con gli espropri al supermercato, come facevano gli Haschrebellen. Il 29 settembre 1970, membri del Blues parteciparono con la RAF a tre colpi in banca nello stesso giorno, operazione che fruttò complessivamente 220.000 marchi. A fine novembre 1971 fu assaltata la cassa di risparmio di Berlino- Hermsdorf e, una settimana più tardi, la cassa principale della Technische Universität. Nel complesso furono ricavati altri 120000 DM. Il 4 dicembre 1971 fu ucciso a Berlin Schöneberg Georg von Rauch, già membro de Ribelli dell Hashish. Il 6 dicembre fu occupato l’ex ospedale Bethanien a Kreuzberg e l óccupazione fu chiamata Georg von Rauch Haus. E´tutt´ora esistente. La nascita del Movimento 2 Giugno Non si può stabilire una data esatta di nascita del movimento 2 Giugno, visto che esso non pubblicò una risoluzione strategica ufficiale sulla sua formazione, come invece fece la RAF con «Die rote Armee aufbauen (Formare l’armata rossa)», e che nelle memorie non emerge un dato del genere. Il motivo è che il movimento 2 Giugno, al momento della sua prima rivendicazione, esisteva già da tempo, sotto forma di piccoli gruppi autonomi con una logistica già costruita. Anche sul programma non esistono documenti ufficiali, come nel caso della RAF (prodotti in gran parte in prigione dal gruppo storico). Ne esiste uno distribuito in pochi esemplari e pubblicato nella raccolta documenti «Der Blues», anche se non si sa chi l’abbia compilato. Gli stessi membri del gruppo conobbero questo documento nell’aula di tribunale. L´ideologia del Movimento 2 Giugno appare «teoreticamente più vicina all’anarchismo, al comunismo consiliare e allo spontaneismo del movimento antiautoritario, rispetto al rigido marxismo leninismo della RAF. Contrariamente ad essa, il Movimento 2 Giugno ha argomentato appena il livello teoretico, sostenendo solamente dichiarazioni fondamentali in forma scritta. I primi attentati del 1972 Pochi giorni dopo [la strage di civili irlandesi nota come Bloody Sunday del 30/1/72] venne Bommi [Michael Baumann], gettandolo «Stern» con le foto del massacro sul tavolo. «Dobbiamo far qualcosa! (...) Per prima cosa andammo nel settore inglese, dando alle fiamme due auto militari a Charlottenburg. Gli illegali ci consigliarono poi un assalto mirato al circolo ufficiali inglesi. […] Bommi portò la sera dopo il tecnico del Movimento 2 Giugno a disposizione. […] La bomba doveva essere piazzata in piena notte, quando il circolo ufficiali era deserto. Fu compito di Harald [Sommerfeld], ma egli fece ben altro; la lasciò sulla porta dello Yacht Club, che si trovava nello stesso posto, e «dimenticò», intenzionalmente oppure no, di avviare il timer; cosicché la bomba non esplose nel tempo previsto, due ore dopo. Invece l’armatore [Erwin Beelitz] la scoprì il mattino successivo, la mise nella morsa per esaminarla e trovò la morte, visto che essa esplose allora Un mese dopo, il 3 marzo 1972, membri del 2 Giugno compirono un attentato dinamitardo all’LKA (ufficio regionale criminale). Questo attentato era una risposta all’uccisione in strada di Tommy Weissbecker, avvenuta il giorno precedente ad Augusta, da parte di un commando speciale della polizia federale bavarese. Un volantino intitolato «Ora basta», che faceva riferimento anche alla morte di Petra Schelm e Georg von Rauch, fu la prima rivendicazione a firma «Movimento 2 Giugno». Questo scritto fu lasciato ad un’iniziativa alla Technische Universität per la morte di Weissbecker. il 7 maggio ’72, vi è l’arresto a Bad Neuenhar di Wolfgang Knupe, Inge Viett, Harald Sommerfeld e Ulrich Schmücker, dopo che la polizia aveva trovato nel loro furgone una bomba destinata all’ambasciata turca, come protesta contro la ripresa delle esecuzioni capitali. Inge Viett evade dal penitenziario femminile di Lehrterstrasse, Berlino, nell’agosto 1973, vivendo da allora nell’illegalità. Il 29 febbraio 1972 è arrestato a Bielefeld Till Meyer. Anche lui, evase come Inge Viett, l’11 novembre 1973 dal penitenziario di Castrop Rauxel. Il 3 maggio 1973 è arrestato, sempre per le dichiarazioni di Sommerfeld, Heinz Brockmann, anche lui «pentito» e condannato a 4 anni e 6 mesi, che a sua volta provoca, nell’autunno ’73, l’arresto di Rudolf Putnik, Annerose Reiche, condannata a 7 anni, e Ina Siepmann condannata a 12 anni. Al di fuori di Berlino Ovest vi fu un sottogruppo del Movimento 2 Giugno, formato da Peter Paul Zahl, Werner Sauber, Norbert «Knofo» Kröcher e sua moglie Gabriele Kröcher Tiedemann, che nel 1972 da Berlino si trasferirono nella Ruhr, formando la «Rote Ruhrarmee », staccandosi dal 2 Giugno, durante il 1973. Werner Sauber fu ucciso nel maggio 1975, durante una sparatoria a Colonia. Nello stesso episodio furono feriti e catturati Roland Otto e il noto intellettuale Karl Heinz Roth. Gli altri membri si rifugiarono all´estero. fino a metà 1974, fu l’attentato incendiario ad un edificio della Facoltà di Legge della Freie Universität il 5 maggio 1972, sempre nell’ambito della campagna sulla giustizia. In questo lasso di tempo sono attribuiti al gruppo soltanto alcuni assalti alle banche. Fino all’autunno 1973 il gruppo fu impegnato a ricostruire l’impianto logistico, danneggiato dalle operazioni di polizia. La storia dal 1972 al 1974 è una storia povera di scontri con l’apparato statale, ma ricca di scontri con l’apparato economico; la storia tipica di una fase d’impianto L´omicidio del pentito Schmücker' Il 4 giugno 1974, attorno alla mezzanotte, fu ritrovato da alcuni soldati USA, impegnati in un’esercitazione a Berlino-Krumme Lanke, ucciso da un colpo di pistola alla testa, l’ex membro del Movimento 2 Giugno Ulrich Schmücker. Già la stampa dei giorni successivi ipotizzò che si trattasse di un’esecuzione da parte di membri del 2 Giugno, visto che, dopo l’arresto, Schmücker collaborava con il Verfassungsschutz (servizi segreti tedeschi). Queste supposizioni furono confermate dal comunicato ricevuto dalle agenzie di stampa il 7 giugno. Il caso Schmücker ha provocato una vasta eco in Germania, sia per la natura del fatto (un ex membro ucciso da «compagni»), sia per il coinvolgimento die servizi segreti nella vicenda. Dalla letteratura sull’argomento si ricava che il Verfassungsschutz, dopo aver fatto parlare Schmücker in carcere, tentò di farlo lavorare per loro, infiltrandolo nell ambiente vicino alla lotta armata berlinese. Per l´omicidio furono condannati alcuni membri della Comune di Wolfsburg che tentavano con questa azione di avvicinarsi al Movimento 2 Giugno. La seconda fase. Le azioni Drenkmann e Lorenz Nell’estate 1974, quando la ricostruzione dell’apparato logistico era stata portata a termine, il Movimento 2 Giugno decise di progettare un sequestro.». Il 3 agosto, il gruppo affittò un fondo a Kreuzberg. Mentre al piano terra era allestito un negozio d’oggetti di seconda mano, nella cantina fu allestita, con gran dispendio di denaro, una ben mimetizzata «prigione del popolo». Gabriele Rollnik, legale e ancora sconosciuta alla polizia, gestiva il negozio. Inoltre una parte del Movimento 2 Giugno, il 10 settembre 1974, assaltò l’armeria Triebel per procurarsi le armi necessarie all´azione. Il 9 Novembre 1974 muore nel carcere di Wittlich Holger Meins , da 56 giorni in sciopero della fame. Una rabbia mostruosa, un mostruoso senso d’impotenza ci schiacciò tutti. Vogliamo restituire il colpo e pensiamo febbrilmente a dove e chi possiamo prendere del nemico di classe. […] La prigione è già pronta. Prenderemo il più alto giudice di Berlino e ce lo metteremo. L´azione però fallisce per la resistenza della vittima e il giudice Drenkmann viene ucciso sul posto. I colpevoli non furono mai individuati. Si tratta dell´unica vittima del Movimento 2 Giugno nella sua storia. Poco dopo l’uccisione di von Drenkmann, il Movimento 2 Giugno concentrò i propri sforzi sul rapimento di un politico, in maniera da scambiarlo con dei compagni incarcerati. La scelta cadde su Peter Lorenz, primo candidato della CDU berlinese per le elezioni comunali, che si sarebbero tenute i primi di marzo del 1975. Al momento del rapimento la campagna elettorale era già in corso. Peter Lorenz sfidava l’allora borgomastro Schütz della SPD.Il Movimento 2 Giugno calcolò che, per esercitare maggiore pressione sulla SPD, allora al governo sia a Bonn sia a Berlino, era più produttivo sequestrare un capo dell’opposizione, che non sarebbe stato sacrificato per la «ragion di Stato» e di farlo qualche giorno prima delle elezioni, per rafforzare l’impatto dell’azione.Secondo Meyer e Viett stessa, lei e Reinders, mentre si preparava il rapimento, si recarono a Milano per incontrarsi con i colleghi delle Brigate Rosse. Reinders e Viett consegnarono alla guerriglia urbana italiana due fucili provenienti dall’armeria Triebel.7 Per finanziare l´azione , il 17 febbraio 1975 fu assaltata la cassa di risparmio cittadina a Berlino Steglitz, con un bottino di circa 70 mila marchi. Il rapimento fu organizzato minuziosamente: per prima cosa a fine 1974 s’iniziò a spiare giornalmente la via dove abitava Lorenz, per aver chiaro quando, dove e come sarebbe stato possibile catturarlo. Vennero anche effettuate prove con modellini d’auto. Le armi non necessarie al rapimento furono portate via dall’appartamento e seppellite a Grunewald4. Giovedì 27 febbraio 1975, verso le nove, un camion, affittato sotto falso nome, percorre contromano a Zehlendorf il tratto da Ithweg a Quermatenweg, costringendo così l’autista di Lorenz a frenare di colpo. Contemporaneamente una donna su una Fiat Uno rossa cozzò contro la macchina, in maniera da far scendere l’autista. Questi fu tramortito. Lorenz fu ammanettato e caricato su un’altra vettura, mentre altri fuggirono con la sua macchina. Dopo un breve viaggio, fu portato nella «prigione del popolo» di Schenkendorffstrasse 7 a Berlin Kreuzberg. Per la liberazione di Lorenz vennero avanzate le seguenti richieste: 1) Immediata liberazione e quindi annullamento delle condanne per quelli che sono stati condannati nel corso delle manifestazioni a Berlino per la morte di Holger Meins. 2) Immediata liberazione di: Verena Becker, Gabriele Kröcher Tiedemann, Horst Mahler, Ina Siepmann, Rolf Heissler.(..). Inoltre ai 6 compagni dovranno essere consegnati 20.000 marchi a testa..8 (Rossi op cit pag 120) Il senato Berlinese accolse le richieste e i prigionieri , con l eccezione di Horst Mahler che aveva rifiutato lo scambio, furono liberati e raggiunsero lo Yemen del Sud, dandosi alla latitanza. Il giorno successivo, il 4 marzo,l ex borgomastro Albertz che li aveva accompagnati , ritornato in Germania,rilasciò una dichiarazione consegnatagli dai fuggitivi che si chiudeva con le seguenti parole: Utilizzeremo le nostre energie affinché anche per voi sorga un giorno così meraviglioso come oggi (so ein Tag, so wunderschön wie heute). La parte in neretto era il segnale per il rilascio di Lorenz, che avvenne la notte stessa. Nei mesi successivi furono arrestati Reinders Fritzsch, Klöpper, Viett, Meyer ,Plambeck,Rollnik e il celebre Fritz Teufel poi assolto dopo lunga carcerazione preventiva. Il 7/7/76 evasero Inge Viett,Juliane Plambeck, Monika Berberich(RAF) e Gabriele Rollnik. Solo la Berberich fu ricatturata nei giorni successivi. Dopo un fallito tentativo di liberazione di Till Meyer furono compiute le ultime due azioni sensazionali del Movimento 2 Giugno: Il sequestro Palmers a Vienna con la collaborazione di militanti locali. e la liberazione di Till Meyer. Le 2 illegali ancora in clandestinitá Inge Viett e Juliane Plambeck (che morí nel 1980) proclamarono la dissoluzione del Movimento 2 Giugno nel 1980 e il loro confluimento della RAF. Ció provocó la dura reazione della maggioranza de militanti in carcere contrari all´iniziativa. Bibliografia Sergio Rossi :Venga un giorno meraviglioso come oggi. Il Movimento 2 giugno e la lotta armata nella Germania Federale 1972-1980 AA.VV: Il Movimento 2 giugno : scritti e testimonianze : la lotta armata a Berlino Oveste e nella Germania Federale / ; traduzione e cura di Sergio Rossi ; introduzione di Costantino Cavalleri TITOLI ORIGINALI . Reinders Ralf, Fritzsch Ronald, Die Bewegung 2. Juni, ID Archiv, Berlin 1995.* Rollnik Gabriele, Keine Angst vor niemand, Nautilus, Hamburg 2004.*. Viehmann Klaus, Notgroschen der Revolution. Banken der Bewegung 2. Juni, in Schwarzer Faden, n. 71, gennaio 2001, pp. 62-66. —, Was nicht geschrieben steht, in «Arranca», n. 12, Berlin luglio 1997, pp. 46- 50. AA.VV., Der Blues. Gesammelte Texte der Bewegung 2. Juni, ristampa della prima edizione del 1982, Antiquariat Schwarzer Stern, Dortmund 2001. Canale Piero (a cura di), Il latte nero del terrore. Infanzia dell’autonomia in Germania, Squilibri, Milano 1978. Heinrich Brigitte, Diario dal carcere 1975. Operazione «Winterreise» e persecuzione degli intellettuali nella Germania federale oggi, La Pietra, Milano 1978 . Teodori Massimo, Storia delle nuove sinistre in Europa, il Mulino, Bologna 1976. AA.VV., Die Prozesse gegen die Bewegung 2. Juni, Prozessbüro, Berlin 1977. . Collettivo della Facoltà di Lettere dell’università di Genova, Un raggio di luce nel regno delle tenebre. La guerriglia urbana nella Germania Federale, Autoprodotto, Genova 1976 . AA.VV., a cura di Primo Moroni, Le parole e la lotta armata, Shake edizioni, Milano 1999. Baumann Michael «Bommi», . Com’è cominciata. 2 Giugno 1967. Tupamaros a Berlino Ovest, La Pietra, Milano 1977). * Viett Inge, Nie war ich furchtloser, Nautilus, Hamburg 2005.* —, Einsprüche. Briefe aus dem Gefängnis, Nautilus, Hamburg 1996 (it)
  • O Movimento 2 de Junho (em alemão: Bewegung 2. Juni) foi uma organização de extrema esquerda dedicada a acções de guerrilha urbana na República Federal Alemã dos anos 70. O nome do grupo refere-se à data da morte de Benno Ohnesorg, um jovem estudante pacifista que foi baleado pela polícia durante uma manifestação contra o xá do Irão em Berlim Ocidental, no ano de 1967. O Movimento 2 de Junho nasceu por volta de 1971, embora as suas origens sejam obscuras. O grupo enquadra-se no clima contestário da Alemanha Ocidental de finais dos anos 60, durante o qual surgiram uma série de pequenos grupos que visavam transformar a sociedade, alguns pela via pacífica, outros através de acção violenta. Os seus membros eram oriundos de grupos como o Kommune I e os West Berlin Tupamaros. Manteve relações com a Fração do Exército Vermelho (Baader-Meinhof), apesar das diferenças em termos de ideologia e de origem dos militantes de ambas as organizações. Enquanto Baader-Meinhof se inspirava no marxismo, o Movimento 2 de Junho seguia como orientação o anarquismo e seus membros eram sobretudo jovens da classe proletária - situação diferente dos membros da Facção, que eram jovens estudantes da classe média. As suas acções armadas iniciaram-se em 1972. A 2 de Fevereiro daquele ano, membros do grupo colocaram uma bomba num alpendre para guardar barcos que era utilizado por militares britânicos. A explosão resultou na morte de um empregado alemão. O ataque foi justificado como um apoio do grupo ao Provisional Irish Republican Army. Em Maio de 1972, o Movimento 2 de Junho colocou uma bomba no consulado da Turquia em Berlim, em protesto pela morte de estudantes turcos, mas a bomba não explodiu. A organização decidiu então colocar uma bomba na Embaixa da Turquia em Bona. De novo o plano não chegou a ser concretizado, já que os membros do grupo foram detidos pela polícia enquanto dormiam num canto de estrada durante a viagem para Bona. A acção mais mediática do grupo ocorreu a 27 de Fevereiro de 1975 quando três membros da organização (dois homens armados e uma mulher) sequestraram Peter Lorenz, enquanto este viajava de automóvel. Lorenz era um político da União Democrata Cristã (CDU) e candidato do partido às eleições para a Câmara Municipal de Berlim. Em troca da libertação de Lorenz, o Movimento 2 de Junho pedia a libertação de alguns militantes detidos na prisão. A 3 de Março o governo alemão aceitou a proposta e levou os prisioneiros para o Iémen do Sul, onde estes conseguiram asilo político. Lorenz foi libertado no dia seguinte. O Movimento 2 de Junho dissolveu-se no começo dos anos 1980. Alguns dos seus membros passaram a integrar a Fração do Exército Vermelho. (pt)
  • Ruch 2 Czerwca (niem. Bewegung 2. Juni) – niemiecka organizacja terrorystyczna o zabarwieniu anarchistycznym. Organizacja powstała pod koniec 1969 roku na gruncie rozbitej przez policję Akcji Frontu Południowego. Członkami grupy byli m.in.: Michael Baumann, Ronald Fritzsch, Norbert Kröcher, Juliane Plambeck, Ralf Reinders, Gabriele Rollnik, Werner Sauber, Fritz Teufel i Inge Viett. Część z nich przeszła szkolenie w obozach al-Fatahu w Jordanii. 2 lutego 1972 roku terroryści z Ruchu dokonali zamachu bombowego na brytyjski jachtklub w Berlinie Zachodnim. Akcja ta była zemstą za śmierć 13 katolików w Londonderry (Ruch 2 Czerwca sympatyzował z Irlandzką Armią Republikańską). W maju tego samego roku organizacja przeprowadziła zamach na drukarnię koncernu Axel Springer w Hamburgu. W tym zamachu rannych zostało 17 osób. Po tym gdy w więzieniu w ramach strajku głodowego na śmierć zagłodził się terrorysta Frakcji Czerwonej Armii Holger Meins, Ruch 2 Czerwca w ramach solidarności z RAF dokonał próby porwania sędziego Güntera von Drenkmanna. Akcja nie udała się, a w trakcie przepychanki sędzia został zastrzelony. W maju 1974 roku bojówkarze Ruchu zabili studenta Ulricha Schmückera, który był równoczesnym członkiem organizacji i informatorem policji. 27 lutego 1975 roku Ruch 2 Czerwca uprowadził Petera Lorenza, będącego kandydatem CDU na burmistrza Berlina Zachodniego. Za jego uwolnienie członkowie Ruchu zażądali uwolnienia z więzienia członków RAF-u, wypłacenia im po 120 tysięcy marek oraz przelotu samolotem poza granicę RFN. Rząd przystał na warunki terrorystów i wypuścił z więzienia 5 przedstawicieli RAF. Działania grupy znacznie osłabiły aresztowania z 1975 roku. We wrześniu tego roku wpadł lider grupy Ralf Reinders. Jego zastępcą stał się Bommi Bauman, którego następcą został z kolei Rolf Heisser. 25 maja 1978 roku RAF, w podzięce za wcześniejsze akcje Ruchu 2 Czerwca, przeprowadziło napad na więzienie w Berlinie Zachodnim, skąd uwolniło Tilla Meyera z tejże organizacji. W tym samym roku Rolf Heißler został aresztowany w trakcie masowej akcji skierowanej przeciwko skrajnie lewicowym terrorystom w RFN. Ruch 2 Czerwca w 1980 roku po wcześniejszych zmianach ideologicznych i przyjęciu programu zbieżnego z programem Frakcji Czerwonej Armii dokonał połączenia z tą organizacją. Nazwa organizacji pochodzi od daty śmierci studenta Benno Ohnesorga, zastrzelonego przez policjanta Karl-Heinza Kurrasa podczas demonstracji 2 czerwca 1967. (pl)
  • К:Исчезли в 1980 годуДвижение 2 июня (нем. Bewegung 2. Juni) — немецкая леворадикальная партизанская организация. Возникла в начале 70-х и самораспустилась 2 июня 1980 г., после чего большая часть движения присоединилась к РАФ, а меньшая продолжила самостоятельную деятельность. Название движения взято в честь дня гибели Бенно Онезорга — студента, застреленного полицейским на мирной демонстрации в Берлине 2 июня 1967 г. (ru)
dbo:thumbnail
dbo:wikiPageExternalLink
dbo:wikiPageID
  • 66867 (xsd:integer)
dbo:wikiPageRevisionID
  • 734450224 (xsd:integer)
dbp:area
  • West Berlin
dbp:dates
  • 1971 (xsd:integer)
dbp:ideology
dbp:leader
dbp:logo
  • Logo Bewegung 2. Juni.png
dbp:name
  • --06-02
dbp:nameNative
  • Bewegung 2. Juni
dbp:nativeNameLang
  • de
dct:subject
http://purl.org/linguistics/gold/hypernym
rdf:type
rdfs:comment
  • 2 June Movement (German: Bewegung 2. Juni) was a West German violent non-state actor based in West Berlin. Active from 1971–1980, the anarchist group was one of the few violent groups at the time in West Germany. Although 2 June Movement did not share the same ideology as the Red Army Faction (Baader-Meinhof Gang), these extremist organizations were allies. The 2 June Movement did not establish as much influence in West Germany as their Marxist counterparts, but is best known for kidnapping West Berlin mayoral candidate Peter Lorenz. (en)
  • El Movimiento 2 de Junio (En alemán: Bewegung 2. Juni, abreviado M2J) fue un grupo activista de guerrilla urbana que operó en Berlín Occidental. Fue denominado así por la muerte del estudiante Benno Ohnesorg el 2 de junio de 1967; el grupo principalmente destruyó propiedades comerciales en Berlín. Tuvieron su fuente de inspiración en los Tupamaros uruguayos. (es)
  • Le Mouvement du 2-Juin (allemand : Bewegung 2. Juni) était un groupe anarchiste armé d'Allemagne de l'Ouest basé à Berlin-Ouest et actif dans les années 1970. (fr)
  • К:Исчезли в 1980 годуДвижение 2 июня (нем. Bewegung 2. Juni) — немецкая леворадикальная партизанская организация. Возникла в начале 70-х и самораспустилась 2 июня 1980 г., после чего большая часть движения присоединилась к РАФ, а меньшая продолжила самостоятельную деятельность. Название движения взято в честь дня гибели Бенно Онезорга — студента, застреленного полицейским на мирной демонстрации в Берлине 2 июня 1967 г. (ru)
  • Die Bewegung 2. Juni war eine in den 1970er Jahren in West-Berlin aktive linksextremistische terroristische Vereinigung. Sie wurde nach dem 2. Juni 1967 benannt, an dem der Student Benno Ohnesorg auf einer Demonstration gegen den Schah-Besuch von dem Berliner Polizisten Karl-Heinz Kurras erschossen worden war. Am 2. Juni 1980 erklärte die Organisation ihre Selbstauflösung. Einige ihrer Aktivisten schlossen sich der Rote Armee Fraktion (RAF) an, andere den Revolutionären Zellen (RZ). (de)
  • Il Movimento 2 Giugno (in tedesco Bewegung 2. Juni) e´un gruppo di lotta armata attivo negli anni 70 soprattutto a Berlino Ovest. La fondazione ufficiale e´del 1972 e il suo discioglimento e confluimento in altre organizzazioni illegali (RAF e Cellule Rivoluzionarie) e´del 1980. Il nome deriva dagli avvenimenti del 2 Giugno 1967 a Berlino Ovest. Si trattava infatti di appartenenti ai servizi iraniani , il SAVAK che malmenó gli studenti. La polizia però se la prese con questi ultimi nel corso degli scontri un poliziotto sparó alle spalle allo Studente Benno Ohnesorg ,uccidendolo. Bibliografia (it)
  • O Movimento 2 de Junho (em alemão: Bewegung 2. Juni) foi uma organização de extrema esquerda dedicada a acções de guerrilha urbana na República Federal Alemã dos anos 70. O nome do grupo refere-se à data da morte de Benno Ohnesorg, um jovem estudante pacifista que foi baleado pela polícia durante uma manifestação contra o xá do Irão em Berlim Ocidental, no ano de 1967. O Movimento 2 de Junho dissolveu-se no começo dos anos 1980. Alguns dos seus membros passaram a integrar a Fração do Exército Vermelho. (pt)
  • Ruch 2 Czerwca (niem. Bewegung 2. Juni) – niemiecka organizacja terrorystyczna o zabarwieniu anarchistycznym. Organizacja powstała pod koniec 1969 roku na gruncie rozbitej przez policję Akcji Frontu Południowego. Członkami grupy byli m.in.: Michael Baumann, Ronald Fritzsch, Norbert Kröcher, Juliane Plambeck, Ralf Reinders, Gabriele Rollnik, Werner Sauber, Fritz Teufel i Inge Viett. Część z nich przeszła szkolenie w obozach al-Fatahu w Jordanii. 2 lutego 1972 roku terroryści z Ruchu dokonali zamachu bombowego na brytyjski jachtklub w Berlinie Zachodnim. Akcja ta była zemstą za śmierć 13 katolików w Londonderry (Ruch 2 Czerwca sympatyzował z Irlandzką Armią Republikańską). W maju tego samego roku organizacja przeprowadziła zamach na drukarnię koncernu Axel Springer w Hamburgu. W tym zamachu (pl)
rdfs:label
  • 2 June Movement (en)
  • Bewegung 2. Juni (de)
  • Movimiento 2 de Junio (es)
  • Mouvement du 2-Juin (fr)
  • Movimento 2 giugno (it)
  • Ruch 2 Czerwca (pl)
  • Movimento 2 de Junho (pt)
  • Движение 2 июня (ru)
owl:sameAs
prov:wasDerivedFrom
foaf:depiction
foaf:isPrimaryTopicOf
is dbo:wikiPageRedirects of
is foaf:primaryTopic of